Multipla Club Italia

Home Page
Chi Siamo
Statuto
Vita Associativa
Iniziative    
Autoraduni
Convenzioni
Modelli e Caratteristiche
Natural Power
News
Curiosità e Foto
Fiat 600 Multipla
Bacheca
Dove Siamo
Iscrizioni e Contatti












 
Statuto


Rep.n. 104.397 Racc.n.27.933

ATTO COSTITUTIVO DELL’ASSOCIAZIONE DENOMINATA
“MULTIPLA CLUB ITALIA”

L'anno duemilatredici, il giorno trenta del mese di aprile

30.4.2013
In Reggio Emilia, via Cecati n.3/1.
Davanti a me DOTTOR ROBERTO BERTANI notaio in Castellarano, iscritto nel ruolo del Distretto Notarile di Reggio Emilia, sono presenti i signori:
- ROCCHI ROBERTO nato a Sassuolo (MO) il 18 ottobre 1965, residente a Castelnovo ne’ Monti (RE), Via E. Bagnoli n.65, il quale dichiara sotto la propria personale responsabilità di avere il seguente codice fiscale RCC RRT 65R18 I462F;
- PANCIROLI LUCIANO nato a Reggio Emilia il 19 novembre 1942, residente a Scandiano (RE), Via Venturi n.20, il quale dichiara sotto la propria personale responsabilità di avere il seguente codice fiscale PNC LCN 42S19 H223M;
- MEZZANI GIANCARLO nato a Goito (MN) il giorno 8 giugno 1946, residente a Monzambano (MN), Via Pascoli n.1, il quale dichiara sotto la propria personale responsabilità di avere il seguente codice fiscale MZZ GCR 46H08 E078U.
Detti comparenti, cittadini italiani, della cui identità personale io Notaio sono certo, mi richiedono di ricevere il presente atto col quale convengono quanto segue:
Art.1 - I comparenti ROCCHI Roberto, PANCIROLI Luciano, MEZZANI Giancarlo, costituiscono un’associazione culturale e di estimatori d’automobili denominata “Multipla Club Italia”. L’associazione ha sede in Castelnovo ne’ Monti (RE), Via Enzo Bagnoli n.65.
Art.2 - L'Associazione è regolata dallo Statuto formato da 16 articoli che, firmato dai comparenti e da me Notaio, si allega al presente atto sotto la lettera “A” per farne parte integrante e sostanziale, omessane la lettura per espressa rinuncia fattami dai comparenti.
Art.3 – L'Associazione non ha finalità di lucro, è apolitica, apartitica e si propone i seguenti obiettivi: stimolare fra l'utenza automobilistica la conoscenza del modello Multipla della Fiat; fornire ai possessori dello stesso modello quante più cognizioni tecniche e costruttive per apprenderne appieno le qualità; favorire la socializzazione degli iscritti; diffondere a tutta l'utenza della strada i principi di sicurezza stradale e di tutela ambientale; instaurare un rapporto di reciproca comunicazione tra i proprietari della Multipla e le rappresentanze, a tutti i livelli, della casa automobilistica Fiat e della rete commerciale; valorizzare nel tempo il modello Fiat Multipla stante la messa in “fuori produzione” commerciale.
Art.4 – I comparenti versano ora l’importo di euro 30,00 (euro trenta e zero centesimi) ciascuno, pari ad un fondo iniziale dell'Associazione di €. 90,00 (euro novanta e zero centesimi).
Art.5 – I comparenti convengono che il Consiglio Direttivo inizialmente sia così composto:
- ROCCHI Roberto Presidente
- PANCIROLI Luciano Vice Presidente
- MEZZANI Giancarlo Tesoriere
Art.6 – L’esercizio finanziario si chiude il giorno 31 (trentuno) dicembre di ciascun anno, pertanto il primo si concluderà il giorno 31 dicembre 2013 (trentuno dicembre duemilatredici).
Art.7 – Le spese del presente atto sono a carico del Multipla Club Italia.
L’imposta di bollo dovuta per il presente atto è assolta in modo virtuale ai sensi dell’art.1 bis della tariffa I allegata al D.P.R. nr.642/1972.
I comparenti dichiarano di avere ricevuto l’informativa di legge, consentono il trattamento dei propri dati personali ai sensi del D.Lgs. 196/2003 e successive modifiche e integrazioni; gli stessi potranno essere inseriti in banche dati, archivi informativi e sistemi telematici solo per fini connessi al presente atto, dipendenti formalità e relativi effetti fiscali.
Richiesto io notaio ho ricevuto il presente atto di cui ho dato lettura ai comparenti, che da me interpellati, dichiarano di approvarlo ed a conferma con me lo sottoscrivono alle ore sedici.
Consta di un foglio scritto parte di mia mano e parte da persona di mia fiducia sotto la mia personale direzione con sistema elettronico ai sensi di legge su due facciate e sino qui su questa terza.
F.TO: ROCCHI ROBERTO
F.TO: MEZZANI GIANCARLO
F.TO: LUCIANO PANCIROLI
F.TO: ROBERTO BERTANI NOTAIO

Allegato "A" del n.rep. 104.397/27.933

STATUTO DELL’ASSOCIAZIONE
“MULTIPLA CLUB ITALIA”

DENOMINAZIONE E SEDE

ARTICOLO 1 - E’ costituita un’associazione denominata “MULTIPLA CLUB ITALIA” avente sede in Castelnovo ne’ Monti (RE), Via Enzo Bagnoli n.65.

SCOPO DELL’ASSOCIAZIONE


ARTICOLO 2 - L’associazione “MULTIPLA CLUB ITALIA” è una libera associazione a tempo indeterminato, senza finalità lucrative, è apolitica ed apartitica, e si propone i seguenti obiettivi: stimolare fra l'utenza automobilistica la conoscenza del modello Multipla della Fiat; fornire ai possessori dello stesso modello quante più cognizioni tecniche e costruttive per apprenderne appieno le qualità; favorire la socializzazione degli iscritti; diffondere a tutta l'utenza della strada i principi di sicurezza stradale e di tutela ambientale; instaurare un rapporto di reciproca comunicazione tra i proprietari della Multipla e le rappresentanze, a tutti i livelli, della casa automobilistica Fiat e della rete commerciale; valorizzare nel tempo il modello Fiat Multipla stante la messa in “fuori produzione” commerciale.
ARTICOLO 3 - Strumenti per raggiungere gli scopi propri dell'associazione sono: l'organizzazione di incontri e dibattiti, anche di carattere tecnico, che prevedano la presenza di figure professionali a livello motoristico; la realizzazione di momenti di socializzazione fra gli iscritti con iniziative di vario genere ed in particolare turistico-amatoriali; la diffusione degli scopi statutari attraverso i mass-media; la pubblicazione di un periodico e di un sito Internet; l'instaurarsi di alleanze con altri gruppi di appassionati auto-motoristici; il sostegno ad iniziative di carattere sociale ed umanitario.

PATRIMONIO


ARTICOLO 4 - Il patrimonio dell’Associazione è costituito da:
- quote associative; eventuali redditi patrimoniali dell’associazione; beni mobili, immobili di proprietà dell’associazione; erogazioni, donazioni, lasciti e da ogni altro tipo di entrata legittima.
- E’ vietato distribuire utili o avanzi di gestione, nonché fondi o riserve agli associati durante la vita dell’associazione.
- E’ consentito il rimborso di spese sostenute dai componenti degli Organi statutari, previa autorizzazione scritta del Consiglio Direttivo o, in caso di urgenza e necessità, previa autorizzazione verbale del Presidente che ne darà informazione al Consiglio Direttivo alla prima occasione utile. I rimborsi spese devono essere comprovati da atti o documentazione legittima.

ASSOCIATI


ARTICOLO 5 - Chiunque interessato alla realizzazione delle finalità previste dal presente Statuto e già richiamate nell’Atto costitutivo, a domanda scritta, può chiedere di far parte dell’Associazione (per i minori di anni 18 è necessario il consenso scritto dell’esercente la potestà genitoriale). L’ammissione dei nuovi associati viene deliberata dal Consiglio Direttivo a insindacabile giudizio dello stesso e la qualità di “associato” viene acquisita dopo la delibera se il candidato è in regola con il versamento della quota associativa per l’anno in corso.
ARTICOLO 6 - La qualità di associato si perde per dimissioni scritte, ovvero, per esclusione a seguito di provvedimento disciplinare della sola espulsione permanente, ovvero, se condannati in sede penale con conseguente interdizione dai pubblici uffici, ovvero, per il mancato pagamento della quota annuale da versare entro il giorno 60esimo (sessantesimo) dalla chiusura dell’esercizio finanziario di ciascun anno.

ORGANI STATUTARI


ARTICOLO 7 - Gli Organi statutari dell’Associazione sono:
- L’Assemblea degli associati;
- Il Consiglio Direttivo;
- Il Presidente;
- Il Vice-presidente;
- Il Tesoriere.

L’ASSEMBLEA DEGLI ASSOCIATI


ARTICOLO 8 - Gli associati sono convocati (a mezzo del Consiglio Direttivo) almeno una volta l’anno in Assemblea ordinaria e quanto ciò si rende necessario in Assemblea straordinaria. L’Assemblea può deliberare in prima seduta se sono presenti almeno 1/5 (un quinto) degli aventi diritto al voto, in seconda seduta a maggioranza dei presenti indipendentemente dal numero degli intervenuti. Di ogni assemblea si redige verbale.
Possono esprimere il voto gli associati in regola con il pagamento della quota annuale.
La convocazione dell’Assemblea può avvenire per iscritto, a mezzo posta elettronica, con telefono in maniera diretta o via sms e in ogni altro modo che garantisca il raggiungimento diretto del messaggio al destinatario almeno 30 (trenta) giorni prima del giorno fissato per la convocazione. Non è consentita la convocazione a mezzo terzi.
Gli associati hanno diritto alla rappresentanza su delega scritta a favore di altro associato, purchè in numero massimo di 5 (cinque).
Compiti dell'Assemblea sono: eleggere il Consiglio Direttivo, e specificatamente il Presidente ed il Vice-Presidente, approvare il bilancio preventivo e quello consuntivo; esprimere il parere circa le linee strategiche associative svolte nell'anno; avanzare proposte o suggerimenti per il raggiungimento degli scopi statutari.
Durante l'Assemblea viene redatto un verbale, a cura del Vice Presidente, che dovrà sottoscriverlo unitamente al Presidente e sarà trattenuto agli atti. Ciascun iscritto potrà prendere visione in ogni momento previa semplice richiesta anche verbale.

IL CONSIGLIO DIRETTIVO


ARTICOLO 9 - Il Consiglio Direttivo è costituito da un minimo di 3 (tre) ad un massimo di 8 (otto) membri. Potranno essere membri del Consiglio Direttivo solo i proprietari di una Fiat Multipla.
Il Consiglio Direttivo è costituito dal Presidente, dal Vice-Presidente e dai Consiglieri. Essi durano in carica 3 (tre) anni.
Compiti del Consiglio Direttivo sono: pianificare le iniziative annuali dell'associazione; scegliere le principali strategia associative, definire le pratiche urgenti e indifferibili anche di carattere economico ed esprimere il consenso del bilancio preventivo e consuntivo annuale che dovrà essere sottoposto all'approvazione dell'Assemblea.

In caso di revoca dall'incarico o dimissioni del Tesoriere, il Consiglio Direttivo ne dovrà nominare un secondo che avrà la stessa scadenza inizialmente prevista per colui che ha cessato la carica; in caso di revoca dall'incarico o dimissioni dei Consiglieri, verranno sostituiti con altrettanti fra coloro che avranno ricevuto il maggior numero di voti in occasione dell'ultima nomina. Qualora ciò non risulti possibile verrà convocata apposita Assemblea Ordinaria per procedere alla nomina del Consiglieri dimissionari o revocati.
I membri del Consiglio Direttivo, oltre al Presidente ed al Vice-Presidente non possono essere di numero inferiore a 1 (uno) e, qualora l'Associazione raggiunga i 300 iscritti, si provvederà ad eleggerne uno ogni 100 iscritti e fino a massimo di cinque.
In caso di revoca dall'incarico o dimissioni del Presidente o del Vice-Presidente o di entrambi, verrà immediatamente convocata l'Assemblea Ordinaria affinchè provveda alla loro sostituzione.

IL PRESIDENTE


ARTICOLO 10 - Il Presidente ha la rappresentanza legale dell’Associazione nei confronti di terzi e in giudizio. Suo compito è anche coordinare l’Assemblea degli associati, il Consiglio Direttivo, convocare gli stessi e garantire il regolare funzionamento dell’Associazione ed il rispetto, da parte di ciascun associato e componente gli Organi direttivi, dello Statuto.

IL VICE-PRESIDENTE


ARTICOLO 11 - Sostituisce il Presidente in tutti i suoi compiti purchè su delega scritta di questi, ovvero, in caso di impedimento grave e/o assenza non motivata del Presidente per un periodo superiore a 15 (quindici) giorni, ovvero, qualora il Presidente si dimetta o perda i requisiti per ricoprire tale incarico.

IL TESORIERE


ARTICOLO 12 - E’ nominato dal Consiglio Direttivo ed ottempera alle mansioni di cassa, aggiorna i libri contabili, sorveglia il regolare adempimento degli associati relativamente al versamento della quota di iscrizione annuale ed informa il Presidente in prima persona di ogni anomalia riscontrata e successivamente ne rende conto a tutti i componenti del Consiglio Direttivo.

MODIFICHE STATUTARIE E SCIOGLIMENTO


ARTICOLO 13 - Qualsiasi modifica allo Statuto deve essere deliberata dall'Assemblea degli associati con voto a maggioranza semplice.
Le somme attive in denaro, ovvero, i ricavi provenienti da beni mobili od immobili di proprietà dell’Associazione, verranno destinati a pubblica beneficenza.

BILANCIO


ARTICOLO 14 - L’esercizio finanziario termina il giorno 31 (trentuno) di dicembre di ogni anno ed entro 4 (quattro) mesi deve essere affisso per iscritto nei locali della sede da parte del Tesoriere, debitamente firmato dal Presidente, previa delibera del Consiglio Direttivo.

REVOCA DELLE CARICHE


ARTICOLO 15 - La revoca delle cariche dell'Associazione avviene per: cessione della proprietà del modello Multipla della Fiat, eccezion fatta qualora ciò avvenga a favore dei familiari prossimi (coniuge o convivente certificato); messa in atto di azioni od omissioni palesemente contrari agli scopi statutari; responsabilità personali di carattere penale o giudiziario che pregiudichino l'immagine dell'Associazione. Tale revoca avviene per delibera urgente del Presidente, successivamente e obbligatoriamente ratificata, a pena di validità dal Consiglio Direttivo.
Gli appartenenti all'Associazione che non ricoprano cariche all'interno della stessa, potranno essere estromessi, per le stesse motivazioni previste nel comma precedente, con provvedimento preso a maggioranza dal Consiglio Direttivo.
Eventuali opposizioni potranno essere presentate per iscritto al Consiglio Direttivo che entro trenta giorni dovrà o accogliere o respingere detta opposizione motivando il provvedimento che dovrà essere notificato per iscritto al ricorrente.
Gli iscritti all'Associazione - in qualità di proprietari - che cedono la Multipla a favore di terzi (fatte le eccezioni di cui sopra) assumono lo status di "estimatori" e perdono il diritto di voto. Il Consiglio Direttivo ha il diritto di verificare, periodicamente, la corretta proprietà della Fiat Multipla a favore degli iscritti aventi diritto di voto.

DISPOSIZIONI FINALI


ARTICOLO 16 - Per quanto non espressamente disciplinato nel presente Statuto, si rimanda alle disposizioni contenute nel Codice Civile e nelle leggi complementari in materia.
F.TO: ROCCHI ROBERTO
F.TO: MEZZANI GIANCARLO
F.TO: LUCIANO PANCIROLI
F.TO: ROBERTO BERTANI NOTAIO